Perché lasciare tutto e andare a vivere in un camper

Aggiornamento: 1 ago 2021

Ciao belli, eccomi qui a scrivere il primo articolo di questo blog.

Perché io e non Alessandro? Nella coppia sono io quella riflessiva, quella che fissa il mare e ragiona sulla vita. Ale è un essere dinamico, un fuoco d’artificio. Lui agisce sul mondo e lascia che il mondo agisca su di lui. Io sono più un piccolo Buddah carico di pippe mentali.

Molti di voi ci conoscono da qualche anno e seguono i nostri viaggi in camper tutte le estati, altri si stanno avvicinando a noi ultimamente. E allora vi racconto un po’ cosa ci ha spinti, quest’anno, a lasciare il lavoro e a gettarci con coraggio, o forse con totale incoscienza, in quest’avventura.

Io sono una maestra, amo il mio lavoro e mi riesce anche molto bene. Ale è un muratore, un restauratore di mobili antichi e un batterista...come vi dicevo, è una persona che comprende la vita con le mani e io amo moltissimo questa sua magia. Stiamo insieme da dieci anni, conviviamo da quattro anni in una deliziosa casetta tutta nostra che i genitori di Ale ci hanno donato (quindi niente affitto, niente mutuo e bollette minime), abbiamo il nostro giro di amicizie, abbiamo alle spalle due famiglie unite ed amorevoli, viviamo vicino alla capitale ma con la fortuna di avere due laghi e il mare a pochissimi chilometri, possiamo godere di due mesi di vancanza ogni estate…insomma, la nostra vita stanziale è davvero molto bella, piena ed appagante. E allora perché andare via? Perché lasciare un sogno così bello e andare a vivere su un camper?

Quello che mi preme farvi capire è che noi non siamo scappati da nulla. Quello che abbiamo lasciato era davvero perfetto. Perfetto, sì, eppure dentro di noi una voce irrequieta ci ha sempre chiamati, come una sorta di tamburo di Jumanji. Quel tamburo risuona dentro di noi ogni volta che sentiamo di aver raggiunto dei grandi traguardi e ci ricorda che è il momento di affrontare una nuova sfida.

Avevamo la necessità di uscire dalla nostra cultura ed incontrarne altre. Volevamo metterci alla prova e conoscere mondi diversi da quello abituale. Sentivamo il bisogno di mettere in discussione i nostri modi di vedere le cose; di testare la nostra capacità di adattamento e così eccoci qui. Io ho dato le dimissioni dalla scuola in cui lavoravo con un contratto a tempo indeterminato, Ale ha fatto lo stesso con il suo lavoro e all’improvviso ci siamo ritrovati senza impegni da mantenere, a parte quelli verso noi stessi. Abbiamo messo in moto il Mammuth e siamo partiti con l’unica certezza di vivere un giorno alla volta, cercando di ascoltare le nostre esigenze, senza pressioni, senza imposizioni. Continueremo a viaggiare? Torneremo a casa? Solo il tempo ce lo dirà. Intanto ora guardiamo il mare greco dalla veranda del Mammuth e ci sentiamo pieni.





86 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Chi siamo

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

Ciao!

Siamo Alessandro e Martina, due viaggiatori incalliti che hanno deciso di fare della loro vita un viaggio senza fine guidati dal fidato Mammuth, un camper del 1987.
Su questo blog troverai tantissimi consigli e informazioni che scaturiscono dalla nostra grande passione: viaggiare. In particolare vogliamo condividere le coordinate GPS di tutte le nostre soste in camper in giro per l'Europa.

Se non ci segui sui social 
ci conosci a metà

  • Instagram
  • Facebook
  • YouTube
  • TikTok

Scopri le coordinate Gps delle nostre soste

14294.png